HOME

la tuberosa secondo me (3 di 7):

punti vendita/shops

- MURICE IMPERIALE -

100 ml extrait de parfum

ARCHITETTURA OLFATTIVA


note di testa Foglie di banano - Zenzero - Rabarbaro
note di cuore Tuberosa, Corallo - Petricore
note di fondo Tuberosa (assoluta)- Alga Rossa (assoluta) - Muschio Marino (distillazione molecolare)- Ambra Grigia


Cavalcando le onde del mare, sfidando mostri marini, la tuberosa ha pianto nella pioggia e si è asciugata al sole. Ha abbracciato un blocco di ambra grigia e ha danzato con assolute di alghe rosse. Ha difeso il diritto alle radici con tutte le sue forze, aggrappandosi ad un corallo.
I suoi petali, inzuppati di acqua salata, si sono impregnati di por- pora, ottenuta dalla secrezione di un mollusco, uno dei pochi coloranti antichi che non perde intensità con il tempo, ma che diventa più brillante con líesposizione alla luce solare.
Un pigmento indelebile, come líintensità di un Extrait de Parfum. Con Murice Imperiale ho cercato di dare un profumo al colore, chiamato rosso di Tiro, attraverso note di rabarbaro.
Cíè una piantagione di tuberose nel mare. La sirena ne ha reso possibile la coltura, raccogliendo, dalla spumosa battigia del mare, il murice e il prezioso fiore in esso contenuto...
La tuberosa è un fiore bianco giunto da lontano, portato dalle onde dentro una conchiglia: la sua casa, lo scrigno in cui si è ada- giata, il suo fresco rifugio.
Non chiamatela marina.
È una tuberosa sottomarina, umida, minerale.


MURICE IMPERIALE E' STATA ILLUSTRATA vuoi essere l'illustratore/illustratice della prossima tuberosa? info@cristiancavagna.com

 

- MURICE IMPERIALE -

extrait de parfum 100 ml

OLFACTORY ARCHITECTURE

 

top notes Banana leaves - Saffron - Rhubarb
heart notes Tuberose - Coral - Petricore
base notes Tuberose (absolute) - Red Seaweed (absolute) - Sea Musk (molecolar distillation) - Ambergris

 

MURICE IMPERIALE HAS BEEN ILLUSTRATED do you want to be the illustrator of the next tuberose? info@cristiancavagna.com

 

Riding the waves of the sea, challenging sea monsters, the tuberose cried in the rain and dried in the sun. It embraced a block of ambergris and danced with an absolute of red algae. It defended the right to the roots with all his might, clinging to a coral.
Its petals, soaked in salt water, were impregnated with purple, obtained by the secretion of a mollusc, one of the few ancient dyes that does not lose intensity with time, but becomes brighter with exposure to sunlight.
An indelible pigment, like the intensity of an Extrait de Parfum. With Murice Imperiale I tried to give a scent to the color, called Tyrian red, through notes of rhubarb.
Thereís a tuberose plantation in the sea. The mermaid has made it possible to cultivate it, collecting, from the sparkling seashore, the murex and the precious flower contained in it... The tuberose is a white flower that has come from far away, carried by the waves inside a shell: its home, the casket in which it has been placed, its fresh shelter.
Donít call it marine.
Itís an underwater, moist, mineral tuberose.